Your search results

Quanto vale la rivendita in Salone?

Posted by Manuela Muretta on 11 Febbraio 2018
| 0

Si stima che il valore della rivendita in Salone in Italia si aggiri intorno al 6%. Eppure alcuni imprenditori della bellezza riescono a raddoppiare se non addirittura a triplicare questa percentuale. Come fanno?

Spesso i professionisti si sentono sviliti nella loro creatività quando si dice loro di puntare sulla rivendita dei prodotti, perché non si sentono venditori ma creatori di bellezza e quindi rinunciano con tanta, troppa facilità ad un’attività collaterale che potrebbe portare loro molti profitti.

Inoltre, molte volte si ha il timore di “dare fastidio” e, per questo, si teme di ricevere un rifiuto.

Ora, imparare a liberarci di questi blocchi e di queste paure è assolutamente fondamentale perché lo sviluppo dell’attività di rivendita in Salone rappresenta un notevole aumento del fatturato.

Come è possibile coniugare l’anima artistica e quella commerciale?

Avete mai pensato di cambiare l’approccio e il modello di vendita, smettendo di vendervi e imparando a farvi comprare?

La premessa necessaria è che, nel momento in cui siamo sicuri di proporre un prodotto davvero valido e capace di soddisfare efficacemente un’esigenza, vendere non dovrebbe crearci alcun problema: il nostro obiettivo, in quanto creatori di bellezza e di autostima è, infatti, proprio quello di far star meglio le persone con se stesse e la propria immagine.

Inoltre, svolgere bene il nostro lavoro ci permette già di avere a disposizione le armi fondamentali per lo sviluppo di una buona attività di rivendita:

  • Conosciamo a fondo il nostro cliente
  • Conosciamo a fondo il valore reale del nostro prodotto

Ma per vendere in maniera efficace queste due qualità e competenze, per quanto importanti, non sono sufficienti. Occorre anche saper raccontare i reali benefici del prodotto in modo tale che il cliente comprenda davvero che quell’acquisto migliorerà la sua qualità di vita.

Non vendiamo prodotti, ma soluzioni. E la clientela deve essere messa nelle condizioni di voler comprare.

Come?

L’approccio consulenziale, che sempre più imprenditori della bellezza usano per dare al cliente ciò di cui ha bisogno invece di ciò che vuole (o pensa di volere) deve essere replicato lungo tutto il percorso che il cliente fa in salone.

La proposta di vendita, per esempio, non può partire direttamente da chi sta in cassa, il suggerimento deve arrivare da chi esegue il trattamento che deve proporre i prodotti per il mantenimento a casa: mettetevi nei panni di un cliente che si sente dire dal proprio stilista/estetista “per la cura a casa io consiglio vivamente questo prodotto”. È chiaro che, a questo punto, per l’addetta alla cassa sarà decisamente più semplice concretizzare la vendita.

Ancora una volta, quindi, vediamo il ruolo fondamentale della comunicazione e del coinvolgimento dello staff nel perseguimento degli obiettivi di fatturato del Salone. Le persone che lavorano con te e per te (e tu stesso) sono il vero motore propulsivo della tua attività, sono loro, con la loro professionalità e tecnica certamente, ma anche con il loro modo di relazionarsi e stabilire un rapporto con il cliente, a generare un alto numero di referenze e un’alta percentuale di fidelizzazione.

Nel nostro corso “Aumentare la rivendita di prodotti e servizi” ti metteremo a disposizione strumenti pratici e soluzioni per entrare in sintonia con il cliente e comunicare efficacemente realizzando il protocollo di vendita efficace.

Che cosa aspetti?

I posti sono limitati. Iscriviti adesso! Subito in regalo per te una vetrina del tuo Salone e un’intervista su Beauty in the City. 

Leave a Reply

Your email address will not be published.